.

 SENTIRE DI COSCIENZA

Malus I. Lo scoccare delle ore, 10.

contributo inviato da mostriciattoli il 17 novembre 2011

           

Lasciata la stanza, Desirée vagò triste senza meta per sale spoglie e silenziose, seguita soltanto dalla guardia che sembrava essere diventata la sua ombra, finché un orrendo odore di topo putrefatto le se­gnalò la presenza dei mostri.

« Padrone stato cattivo? »

« Noi te l’avevamo detto ».

« Bimba non deve avere però paura di lui, è tanto buono: ha fatto noi ».

« Fantastico colpo di genio, devo ammetterlo », com­mentò sarcasti­ca Desirée continuando a passeggiare senza dar loro molta retta.

« Noi siamo tanto belli o brutti, dipende dal punto di vi­sta».

« Ha fatto pure di peggio » osò fare notare uno dei più giovani, prima di essere assalito dai compagni per la mancanza di rispetto nei confronti del padrone.

« Vuoi sentire la nostra etica professionale? » domando uno di loro togliendosi rispettosamente la bava dalla bocca e pulendosi le zampe sul petto.

« Non mi va adesso, un’altra volta ». I mostri si zitti­rono e la guar­darono preoccupati.

« L’ha davvero trattata male, se la bimba è tanto triste ».

« Non vuole nemmeno sentire la nostra bella etica pro­fessionale».

« Forse a una bimba piacciono di più altre cose, che non siano per forza dei mostri », suggerì uno di loro.

« Non c’è niente di meglio di noi imbecille!».

« Zitto deficiente! 23 ha ragione.» Ebbe così inizio una vivace consultazione, che si trasformò in una piccola rissa, perché uno di loro scivolò sulla bava facendo cadere gli altri, al termine della quale decisero di mostrarle la sala del trono, ma mentre le saltellavano di­nanzi contenti dell’idea, appar­vero due guerrieri ombra.

« Dicono che è ora di pranzo e che non vi potete ancora stancare molto ».

« Dovete andare subito, è il padrone che lo ordina »,aggiunse un al­tro tristemente.

« Non fa niente, andremo dopo mangiato », li consolò Desirée allontanandosi nel corridoio buio.

Nel pomeriggio riapparvero i piccoli mostri, ben felici di portarla, come pro­messo, a vedere la sala del trono, parlottavano incessantemente tra loro interpellandola di tanto in tanto riguardo alle loro questioni.

« Ma voi come vi chiamate? » li interruppe d’un tratto Desirée.

« Come sarebbe, come ci chiamiamo? »

« Ognuno di noi è contraddistinto da un numero ».

« Sarebbero i numeri di serie con cui ci ha progettati il padrone », precisò l’anziano, specificando di essere il numero 16.


commenti:

inserisci un commento


Registrati ora al Cannocchiale per inviare un commento,oppure registrati direttamente al gruppo per partecipare attivamente con i tuoi articoli e post.
Se sei già registrato, effettua prima il login al cannocchiale o al gruppo.

informazioni sull'autore
ISCRITTO DAl
2 ottobre 2011
attivita' nel GRUPPO





SENTIRE DI COSCIENZA

alla scoperta del mondo interiore e della provenienza dell'essere umano inteso come spiritualità,cosa vi sia dopo la morte, i contatti con i trapassati, medianità ecc ecc

Si discute di (Tags)



Creato da isaefrenk
Membri attivi 5

Clicca per visualizzare la geomappa dinamica dei membri

Ultimi iscritti

tutti i membri




Puoi iscriverti liberamente e partecipare alle attività del gruppo SENTIRE DI COSCIENZA .

CON BLOG
Se hai un blog - su qualunque piattaforma - i tuoi post verranno aggregati automaticamente. Dopo l'iscrizione, segui le istruzioni per aggregare blog.
Se non hai un blog puoi aprirlo ora sul Cannocchiale.

SENZA BLOG
Se non hai un blog puoi iscriverti comunque e partecipare ai Gruppoe alle altre attività di prossima attivazione.
Iscriviti ora!

Se sei già iscritto e non vedi i tuoi contenuti aggregati, leggi la pagina di aiuto.