.

 SENTIRE DI COSCIENZA

La famiglia del futuro

contributo inviato da isaefrenk il 11 aprile 2010

<span style="font-family: verdana, tahoma, arial; font-size: 13px; line-height: 19px; -webkit-border-horizontal-spacing: 1px; -webkit-border-vertical-spacing: 1px; ">La famiglia del futuro<br><br>La funzione della famiglia nella storia dell’uomo è stata quella di creare un legame morale fra individui facendo leva sui vincoli di sangue, quindi una funzione di stretta relazione imperniata su una serie di doveri e di diritti reciproci più che sul vero proprio affetto. D’altra parte l’affetto non si può imporre, per cui essendo la famiglia una istruzione che costituiva un baluardo contro le avversità della vita, un modo per meglio resisterle, se non vi era l’amore a tenere uniti i familiari doveva esservi qualcosa che si può imporre: il diritto e il dovere.<br>Quella di raggiungere una unione fra gli individui, una collaborazione simbiotica, e, da ultimo, una comunione amorosa, è la mèta che la natura riserva agli uomini.<br>I primi tentativi, i primi semi di una tale unione la natura li ha realizzati spingendo gli individui a riunirsi in famiglie, in gruppi; paradossalmente, ha rafforzato il legame all’interno di ogni gruppo attraverso il contrasto ed anche le guerre fra le famiglie, i gruppi , i popoli.<br>Tutto questo non appariva e non appare a gli occhi degli uomini, i quali si riuniscono in famiglie per trovare una sistemazione, una regola di vita e si dichiarano guerra per futili motivi. Il fine ultimo a cui mira la natura – che è quello di insegnare a gli uomini ad amarsi, sia pure a volte attraverso l’odio – non si mostra evidente. L’uomo lo raggiunge inavvertitamente soggiacendo alle regole di un codice di diritti e di doveri.<br>Quello che, così detto, può sembrare un tranquillo modo di vivere, all’atto pratico è invece un alternarsi di esperienze faticose e dolci, di lotta e di conquista, di successo e di delusione, di gelosia e di orgoglio: è, in sostanza, gran parte della vita e per ciò dell’evolvere dell’uomo.<br>Se non vi fossero stati i vincoli familiari ognuno avrebbe vissuto solo per se stesso e molti avrebbero finito col soccombere, ora, ciò a cui mira la natura è di sostituire i diritti ed i doveri con l’affetto.</span>

commenti:

inserisci un commento


Registrati ora al Cannocchiale per inviare un commento,oppure registrati direttamente al gruppo per partecipare attivamente con i tuoi articoli e post.
Se sei già registrato, effettua prima il login al cannocchiale o al gruppo.

informazioni sull'autore
ISCRITTO DAl
11 aprile 2010
attivita' nel GRUPPO





SENTIRE DI COSCIENZA

alla scoperta del mondo interiore e della provenienza dell'essere umano inteso come spiritualità,cosa vi sia dopo la morte, i contatti con i trapassati, medianità ecc ecc

Si discute di (Tags)



Creato da isaefrenk
Membri attivi 5

Clicca per visualizzare la geomappa dinamica dei membri

Ultimi iscritti

tutti i membri




Puoi iscriverti liberamente e partecipare alle attività del gruppo SENTIRE DI COSCIENZA .

CON BLOG
Se hai un blog - su qualunque piattaforma - i tuoi post verranno aggregati automaticamente. Dopo l'iscrizione, segui le istruzioni per aggregare blog.
Se non hai un blog puoi aprirlo ora sul Cannocchiale.

SENZA BLOG
Se non hai un blog puoi iscriverti comunque e partecipare ai Gruppoe alle altre attività di prossima attivazione.
Iscriviti ora!

Se sei già iscritto e non vedi i tuoi contenuti aggregati, leggi la pagina di aiuto.